Il 4 Settembre 2018 il Comitato Uffi – United for Fighting Ichthyosis ha effettuato il primo bonifico a favore della squadra di ricerca delProf. Heiko Traupe, per un ammontare di Euro 100.000

Il 4 Settembre 2018 Comitato Uffi – United for Fighting Ichthyosis ha effettuato il primo bonifico a favore della squadra di ricerca delProf. Heiko Traupe, per un ammontare di Euro 100.000,00, contro la rara malattia genetica conosciuta come ittiosi lamellare.

In due mesi Comitato UFFI, in persona di Elena Ravano de Calheiros, mamma di Beatriz e Leonor insieme a UNITI - Unione Italiana Ittiosi, rappresentata dalla consigliera Alessandra Colabraro, mamma di Anna, ha raccolto questa importante cifra, che permetterà all’equipe scientifica tedesca di lavorare al primo grande step della ricerca per la produzione dell’idrogel contenente l’enzima TGM1, in grado di guarire la pelle.

La terapia scoperta dell’equipe scientifica del Prof. Traupe, che ha alle spalle una storia di ricerca ultraventennale, ha ricevuto il riconoscimento Drug of the Year 2015 dal Leibniz Research Alliance ed è anche stata riconosciuta come “orphan drug” dall’Unione Europea.

Questa terapia in via sperimentale necessita di 2 milioni di euro e, al momento, non ci sono né fondi erogati da parte delle istituzioni, comprese quelle europee, né case farmaceutiche interessate ad investire, probabilmente visto l'esiguo numero di malati.
Conseguentemente, Comitato UFFI e UNITI, con le due mamme simbolo della campagna, Elena ed Alessandra, che hanno anche lanciato l'hashtag #TwoMoms, stanno lottando per raggiungere il prima possibile questo traguardo, per aiutare TUTTI i malati di ittiosi lamellare (TGM1), non sono d'Italia, ma del mondo.

L’ittiosi lamellare fa sì che nei pazienti non sia presente un enzima (TGM1), vitale nella costruzione della pelle e della barriera cutanea, perciò la pelle si presenta ispessita ede stremamente secca tanto che, spesso, si "spacca" con seri rischi legati alle potenziali infezioni. Le palpebre, sovente, a causa della estrema seccheza, non si chiudono, soprattutto durante il sonno, il che richiede costanti applicazioni di colliri umettanti e gel protettivi della cornea. Inoltre, le persone affette da questa malattia non sudano e vanno quindi incontro a colpi di calore nei mesi caldi dell'anno, non possono praticare sport ed anche una semplice febbre può essere pericolosa.

Anche gli effetti psicologici che comporta la malattia non sono trascurabili, dato che la pelle non ha un aspetto "normale" e le persone, soprattutto i bambini, sono sottoposti costantemente a domande sul loro aspetto e all'accettazione da parte dei coetanei.
Senza cure, ad oggi, la malattia costringe le persone a vivere applicandosi costantementecremeemollienti su tutto il corpo, colliri e gel agli occhi, e ad effettuare lunghi bagni in acqua per idratare la pelle.

IL COMITATO UFFI-UNITED FOR FIGHTING ICHTHYOSIS e L'Unione Italiana Ittiosi.

Il Comitato Uffi nasce nel Giugno del 2018, con il preciso obiettivo di raccogliere fondi per l’ittiosi lamellare (TGM1). Fondato da Elena e Francisco de Calheiros, insieme alle loro famiglie, per aiutare le figlie Maria Leonor e Maria Beatriz nate nell'ottobre 2016 e affette da questa malattia così come Anna, figlia di 4 anni di Alessandra Colabraro.

Nei due mesi di vita del comitato moltissimi personaggi noti fra cui Giancarlo Giannini, Fabio Concato, Giorgio Panariello, Fiordaliso si sono vestiti dei nostri colori per dare voce alla raccolta fondi per tutti i malati di ittiosi lamellare.  

Vai alla pagina dell'iniziativa:
link

Comunicato stampa Comitato UFFI : link

Video Prof. Traupe: clicca sull'immagine


 

In Evidenza

Affiliazioni

Cerca nel sito

Policy

Questo sito è puramente informativo e gratuito. I contenuti pubblicati e le opinioni espresse negli articoli non impegnano l'associazione se non per il generico riconoscimento. Gli articoli sono di proprietà dei rispettivi autori e vengono pubblicati a giudizio insindacabile dell'associazione. Gli articoli tratti da altri siti e/o che riproducano pubblicazioni contengono la citazione della fonte. É consentita la riproduzione di articoli ed illustrazioni contenute in questo sito, purche’ ne sia citata la fonte.

Informazioni

Unione Italiana Ittiosi – UNITI - ROMA. Telefono: 339 7969785 info@ittiosi.it C.F. 97298010584

Privacy

L'iscrizione a UNITI comporta necessariamente l'inserimento dei dati personali in un archivio al fine di consentire all’Associazione la gestione dei contatti con i propri associati. Poiché l'Associazione si rivolge principalmente ai malati di ittiosi, i dati inseriti nell'archivio sono considerati "sensibili" in quanto sono idonei a rivelare lo stato di salute dell’interessato (art 4 codice di protezione dei dati personali). Pertanto possono essere raccolti e trattati solo con il consenso dell’interessato... [Continua a leggere...]

Credits

Il contenuto del sito è puramente informativo e gratuito in tutte le sue parti. L’Accesso all’area riservata, nella quale sono archiviate fotografie, filmati e documenti sensibili, è consentito solo ai soci ed è protetto da username e password. La riproduzione o divulgazione dei documenti caricati nell’area riservata è assolutamente vietata. É invece consentita la riproduzione degli articoli e delle illustrazioni pubblicate nel sito purchè ne sia adeguatamente citata la fonte. Ogni articolo od opinione della quale non sia stata eventualmente ed esplicitamente dichiarata la fonte deve essere attribuito all'Associazione che se ne assume integralmente la responsabilità. Il sito non contiene spazi pubblicitari che non siano esplicitamente ed inconfutabilmente dichiarati.