Ittiosi, ricercatori USA prospettano nuova possibilità di cura

Un team di scienziati appartenenti ad alcuni dei più prestigiosi istituti di ricerca statunitensi ha condotto uno studio per indagare a fondo le basi molecolari di alcune delle forme più rare di ittiosi, una malattia della pelle che è generalmente caratterizzata da gravi lesioni epidermiche, formazioni squamose, prurito e dolore. L'indagine, pubblicata sul Journal of Allergy and Clinical Immunology, sembra aver individuato uno dei fattori all'origine di questa condizione, aprendo la strada ad una potenziale strategia terapeutica.

I ricercatori, coordinati dalla dott.ssa Amy Paller, dell'Ann & Robert H. Lurie Children's Hospital di Chicago, hanno esaminato campioni di tessuto estratti da pazienti affetti da ittiosi lamellare (LI), ittiosi epidermolitica (EI), eritrodermia ittiosiforme congenita (CIE) o sindrome di Netherton (SN), mettendo poi a confronto i risultati con quelli ottenuti da soggetti sani e da individui con psoriasi o dermatite atopica, disturbi della pelle meno rari e severi rispetto all'ittiosi.

I test effettuati sembrano dimostrare che l'ittiosi condivida con la psoriasi un particolare processo di patogenesi che coinvolge il sistema immunitario dell'organismo. Più esattamente, i pazienti colpiti da queste due malattie manifestano un'eccessiva e incontrollata attivazione delle cellule immunitarie Th17, ossia una classe di 'linfociti T helper' (linfociti Th) che producono una particolare proteina nota come interleuchina-17 (IL-17). In base a quanto riscontrato, il livello di iperattività di queste cellule sembra essere direttamente correlato alla gravità dell'ittiosi, soprattutto all'entità dei processi infiammatori e dei difetti della barriera cutanea che caratterizzano la malattia.

La più importante ricaduta di questa scoperta consiste nel fatto che, secondo i ricercatori, il farmaco secukinumab (Cosentyx), un inibitore dell’IL-17A utilizzato per il trattamento della psoriasi e della spondilite anchilosante, potrebbe rappresentare una terapia di potenziale efficacia anche per l'ittiosi. La dott.ssa Paller ha dichiarato l'intenzione di testare al più presto l'impiego del medicinale come terapia per le persone colpite da questa grave patologia della pelle.

Fonte: Osservatorio Malattie Rare (link all'articolo)

Affiliazioni

Cerca nel sito

Policy

Questo sito è puramente informativo e gratuito. I contenuti pubblicati e le opinioni espresse negli articoli non impegnano l'associazione se non per il generico riconoscimento. Gli articoli sono di proprietà dei rispettivi autori e vengono pubblicati a giudizio insindacabile dell'associazione. Gli articoli tratti da altri siti e/o che riproducano pubblicazioni contengono la citazione della fonte. É consentita la riproduzione di articoli ed illustrazioni contenute in questo sito, purche’ ne sia citata la fonte.

Informazioni

Unione Italiana Ittiosi – UNITI Via Vasco De Gama 72h - ROMA. Telefono: 339 7969785 info@ittiosi.it C.F. 97298010584

Privacy

L'iscrizione a UNITI comporta necessariamente l'inserimento dei dati personali in un archivio al fine di consentire all’Associazione la gestione dei contatti con i propri associati. Poiché l'Associazione si rivolge principalmente ai malati di ittiosi, i dati inseriti nell'archivio sono considerati "sensibili" in quanto sono idonei a rivelare lo stato di salute dell’interessato (art 4 codice di protezione dei dati personali). Pertanto possono essere raccolti e trattati solo con il consenso dell’interessato... [Continua a leggere...]

Credits

Il contenuto del sito è puramente informativo e gratuito in tutte le sue parti. L’Accesso all’area riservata, nella quale sono archiviate fotografie, filmati e documenti sensibili, è consentito solo ai soci ed è protetto da username e password. La riproduzione o divulgazione dei documenti caricati nell’area riservata è assolutamente vietata. É invece consentita la riproduzione degli articoli e delle illustrazioni pubblicate nel sito purchè ne sia adeguatamente citata la fonte. Ogni articolo od opinione della quale non sia stata eventualmente ed esplicitamente dichiarata la fonte deve essere attribuito all'Associazione che se ne assume integralmente la responsabilità. Il sito non contiene spazi pubblicitari che non siano esplicitamente ed inconfutabilmente dichiarati.