La nostra pelle

Per comprendere cosa non va nella pelle in presenza di ittiosi, bisogna capire come funziona e cresce la pelle.

a) Struttura e funzione della pelle normale

La pelle è il più vasto organo del corpo umano, e come ogni altro organo, ha una specifica funzione. La funzione della pelle è quella di rivestire e proteggere l'intero corpo, regolare la temperatura interna, mantenere l'umidità dentro, e tenere fuori sporcizia, batteri ed altri potenziali agenti nocivi.

La pelle è costituita da vari strati. Lo strato superiore, detto strato corneo, è a sua volta costituito da molti strati sottili di cellule morte ed appiattite, chiamate squame, che contengono cheratina , una proteina dura, filiforme che dà resistenza allo strato corneo. Tra le squame c'è una miscela di lipidi, varie sostanze grasse predisposte a contenere l'impermeabilità della pelle all';acqua, sia conservando i fluidi del corpo, sia – all'opposto – impedendo all'acqua di entrare all'interno quando ci laviamo o nuotiamo.

Al di sotto dello strato corneo c'è l'epidermide viva. Siccome la pelle si rinnova continuamente, le cellule al fondo dell'epidermide si separano e salgono verso lo strato corneo, creando cheratina ed alla fine morendo. L'intero processo dura circa 14 giorni. Le cellule morte ed appiattite allora si attaccano alla base dello strato corneo e ne divengono parte integrante. Nel frattempo, sulla superficie esterna della pelle, le cellule si separano l'una dall'altra e cadono invisibilmente, facendo posto alle cellule neo-arrivate e permettendo allo strato corneo di rinnovarsi a ritmo costante. Il processo va avanti indefinitamente, con ciascuna nuova cellula che migra dall'epidermide viva allo strato corneo, quindi cadendo nel giro di 14 giorni. Man mano che le cellule morte cadono dalla superficie, allo stesso ritmo nuove cellule vengono generate nell'epidermide. La pelle è nomale ed in fase di equilibrio, ovvero è in condizione regolare.

b) E con l'ittiosi?

In caso di ittiosi l'equilibrio non è rispettato, e le cellule si accumulano nello strato corneo.

L'ittiosi può essere paragonata ad un ingorgo di traffico di cellule della pelle, lo stesso ingorgo che risulta se in un'autostrada entrano più auto di quante ne escono.

Nell'ittiosi l'ingorgo di cellule epiteliali nello strato corneo può avvenire per ciascuno di questi motivi: a) perchè la produzione di cellule è troppo rapida; b) o perchè il naturale processo di caduta è rallentato ovvero impedito; c) o per entrambi i motivi.

Nelle forme CIE ed ipercheratosi epidermolitica c'è una superproduzione di cellule epiteliali nell'epidermide. Queste cellule raggiungono lo strato corneo in meno di 4 giorni invece dei 14 normali. Le cellule vengono prodotte più rapidamente di quanto impiegano a cadere e perciò si accumulano nello strato corneo.

Nelle forme di ittiosi vulgaris, X-Linked e lamellare, le cellule epiteliali vengono prodotte a ritmo normale, ma esse non si separano regolarmente sulla superficie dello strato corneo e non cadono velocemente come dovrebbero. Il risultato, di nuovo, è un accumulo di cellule epiteliali.

In tutti i casi di ittiosi il risultato è uno strato corneo ispessito, sovente unito ad una eccessiva perdita di umidità dalla pelle. La pelle ispessita diventa sempre più secca, si contrae e si screpola; le screpolature si approfondiscono e si allargano, la pelle comincia a sembrare come se fosse coperta di squame. Il procedimento può essere assimilato a ciò che accade al letto fangoso di un fiume quando l'acqua si prosciuga ed il fango resta esposto all'aria ed al sole.

c) Può essere contagiosa?

Ai portatori viene chiesto se l'ittiosi è contagiosa. Ai bambini viene domandato:”Si può prendere? ” La risposta è NO. L'ittiosi è per definizione non contagiosa; essa non è causata da batteri, virus o germi e perciò non è trasmissibile da una persona all'altra.

Il termine “ittiosi” si riferisce ad un gruppo di disordini dovuti ad un difetto genetico che può essere spontaneo (dovuto ad una mutazione di un gene) oppure trasmesso attraverso ereditarietà familiare. Essa è presente al concepimento, sebbene in taluni casi i sintomi si appalesano durante il primo anno di vita del bambino; in altri casi si evidenzia subito che c'è qualcosa di anormale nella pelle del bimbo. Gli aspetti genetici dell'ittiosi vengono trattati con maggiori dettagli nel volume “Ittiosi – la genetica e l'ereditarietà” edito a cura della FIRST.

Affiliazioni

Cerca nel sito

Policy

Questo sito è puramente informativo e gratuito. I contenuti pubblicati e le opinioni espresse negli articoli non impegnano l'associazione se non per il generico riconoscimento. Gli articoli sono di proprietà dei rispettivi autori e vengono pubblicati a giudizio insindacabile dell'associazione. Gli articoli tratti da altri siti e/o che riproducano pubblicazioni contengono la citazione della fonte. É consentita la riproduzione di articoli ed illustrazioni contenute in questo sito, purche’ ne sia citata la fonte.

Informazioni

Unione Italiana Ittiosi – UNITI Via Vasco De Gama 72h - ROMA. Telefono: 339 7969785 info@ittiosi.it C.F. 97298010584

Privacy

L'iscrizione a UNITI comporta necessariamente l'inserimento dei dati personali in un archivio al fine di consentire all’Associazione la gestione dei contatti con i propri associati. Poiché l'Associazione si rivolge principalmente ai malati di ittiosi, i dati inseriti nell'archivio sono considerati "sensibili" in quanto sono idonei a rivelare lo stato di salute dell’interessato (art 4 codice di protezione dei dati personali). Pertanto possono essere raccolti e trattati solo con il consenso dell’interessato... [Continua a leggere...]

Credits

Il contenuto del sito è puramente informativo e gratuito in tutte le sue parti. L’Accesso all’area riservata, nella quale sono archiviate fotografie, filmati e documenti sensibili, è consentito solo ai soci ed è protetto da username e password. La riproduzione o divulgazione dei documenti caricati nell’area riservata è assolutamente vietata. É invece consentita la riproduzione degli articoli e delle illustrazioni pubblicate nel sito purchè ne sia adeguatamente citata la fonte. Ogni articolo od opinione della quale non sia stata eventualmente ed esplicitamente dichiarata la fonte deve essere attribuito all'Associazione che se ne assume integralmente la responsabilità. Il sito non contiene spazi pubblicitari che non siano esplicitamente ed inconfutabilmente dichiarati.