I trattamenti

I trattamenti per l'ittiosi sono esattamente questo: trattamenti e non cure. Finora non c'è nessuna cura per l'ittiosi. Una vera cura richiederebbe il cambiamento dei componenti genetici difettosi. I trattamenti correnti per l'ittiosi mirano a far sembrare normale la pelle.

a) Trattamento topico

Vi sono due obbiettivi di fondo nei trattamenti topici (trattamenti impiegati per uso esterno alle zone colpite dal disordine):

-  evitare l'accrescimento dello strato di squame affinchè la pelle non si ispessisca

-  trattenere l'umidità nella pelle perchè non si renda secca e rigida.

Se questi obbiettivi sono raggiunti, la pelle sarà flessibile, elastica e meno suscettibile a dolorose spaccature.

Sostanze denominate cheratolitiche sono impiegate per dissolvere le squame e si trovano in lozioni o creme contenenti acido salicilico, urea, oppure alfa-idrossi-acidi quali acido lattico e acido glicolico . Alcuni cheratolitici, come l'acido salicilico, possono però essere assorbiti attraverso la pelle, con potenziali effetti secondari dannosi per il corpo; taluni acidi possono essere irritanti. I pazienti sono avvertiti, perciò, di usare sostanze solo sotto controllo medico.

Il trattamento delle squame nell'ittiosi vulgaris, lamellare e X-linked è ancora più lungo che per CIE ed ipercheratosi epidermolitica, giacchè la pelle è generata a ritmi normali (per le prime forme) ed a ritmi accelerati (per le seconde).

Il secondo obiettivo del trattamento topico è quello di mantenere la pelle idratata: ciò significa trattenere l'acqua nella pelle. Mentre la maggior parte delle persone ritengono che la pelle è secca per mancanza di lubrificazione, i sintomi della pelle secca sono in realtà il risultato di carenza d'acqua. Gli olii ed altri emollienti vengono applicati semplicemente per trattenere quell'acqua nella pelle. I lubrificanti del tipo glicerina, olio minerale, lanolina o semplice gel attraggono e sigillano l'umidità nello strato corneo, con ciò mantenendo la pelle elastica e prevenendo screpolature e lesioni.

Molti pazienti idratano la pelle con prolungati bagni o docce, quindi applicano lubrificanti per trattenere l'umidità.

Negli ultimi tempi è stata sperimentata l’applicazione, con discreti successi, di un gel acquoso ad uso topico: il Tazarotene. Trattasi di principio attivo nato come trattamento anti-psoriasico ma compatibile anche per alcune forme di ittiosi. Essendo un derivato della vitamina A deve essere utilizzato in maniera accorta e sempre sotto prescrizione e controllo medico.

b) Terapia sistemica

L'uso di sostanze assunte per via interna (trattamento sistemico) è in fase di indagine e sperimentazione. L'ittiosi un tempo era collegata ad allergie ai cibi, mentre alcuni ritenevano fosse il risultato di una insufficienza di vitamina A. I cambiamenti nella dieta hanno prodotto effetti scarsi o nulli nel trattamento dei sintomi di questo disordine genetico.

Un'eccessiva assunzione di vitamina A può, infatti, essere tossica e rivelarsi dannosa per gli organi interni. I bambini possono essere particolarmente sensibili a quantità tossiche di vitamina A.

Più recentemente, i ricercatori hanno posto l'attenzione su materiali altamente specializzati per cercare di compensare – ovvero controbilanciare – l';eccessiva desquamazione. Una sostanza in particolare, un derivato sintetico della vitamina A chiamato isotretinoina, è efficace nel controllo della desquamazione in alcuni sofferenti di ittiosi. Anche la versione sintetica, tuttavia, può essere tossica, specialmente con una prolungata somministrazione com'è necessario nel trattamento dell'ittiosi. I potenziali effetti secondari includono un elevato tasso di grassi nel sangue (trigliceridi) che può condurre a rischi per le arterie coronarie ed a malattie degenerative delle ossa. La sostanza è teratogena e dunque può causare aborti se assunta da donne in gravidanza.  La terapia con retinoidi deve essere pertanto eseguita sotto stretto controllo medico.

Affiliazioni

Cerca nel sito

Policy

Questo sito è puramente informativo e gratuito. I contenuti pubblicati e le opinioni espresse negli articoli non impegnano l'associazione se non per il generico riconoscimento. Gli articoli sono di proprietà dei rispettivi autori e vengono pubblicati a giudizio insindacabile dell'associazione. Gli articoli tratti da altri siti e/o che riproducano pubblicazioni contengono la citazione della fonte. É consentita la riproduzione di articoli ed illustrazioni contenute in questo sito, purche’ ne sia citata la fonte.

Informazioni

Unione Italiana Ittiosi – UNITI Via Vasco De Gama 72h - ROMA. Telefono: 339 7969785 info@ittiosi.it C.F. 97298010584

Privacy

L'iscrizione a UNITI comporta necessariamente l'inserimento dei dati personali in un archivio al fine di consentire all’Associazione la gestione dei contatti con i propri associati. Poiché l'Associazione si rivolge principalmente ai malati di ittiosi, i dati inseriti nell'archivio sono considerati "sensibili" in quanto sono idonei a rivelare lo stato di salute dell’interessato (art 4 codice di protezione dei dati personali). Pertanto possono essere raccolti e trattati solo con il consenso dell’interessato... [Continua a leggere...]

Credits

Il contenuto del sito è puramente informativo e gratuito in tutte le sue parti. L’Accesso all’area riservata, nella quale sono archiviate fotografie, filmati e documenti sensibili, è consentito solo ai soci ed è protetto da username e password. La riproduzione o divulgazione dei documenti caricati nell’area riservata è assolutamente vietata. É invece consentita la riproduzione degli articoli e delle illustrazioni pubblicate nel sito purchè ne sia adeguatamente citata la fonte. Ogni articolo od opinione della quale non sia stata eventualmente ed esplicitamente dichiarata la fonte deve essere attribuito all'Associazione che se ne assume integralmente la responsabilità. Il sito non contiene spazi pubblicitari che non siano esplicitamente ed inconfutabilmente dichiarati.